Aspirapolvere potente? Come scegliere la potenza

aspirapolvere potente

Cercate un aspirapolvere potente? Magari uno da 2000 watt o 3000 watt? In questo articolo vedremo come scegliere la potenza di un aspirapolvere in base alle proprie esigenze. Inoltre vedremo quanto essa è realmente importante nella scelta, e come deve essere realmente misurata. Insomma, sei stufo di aspirapolvere inefficienti, che non riescono a pulire i tappeti, gli angoli o sotto il letto? Allora meglio documentarsi su come si misura la potenza d’aspirazione, e quali sono i migliori prodotti sul mercato.

Come si misura realmente la potenza di un aspirapolvere?

La potenza di aspirazione, è il parametro fondamentale per misurare la capacità di rimuovere impurità e lo sporco. Si può fare una semplice prova per verificare la potenza del vostro aspirapolvere. Se avete la possibilità di regolare la potenza mettetela al massimo, appoggiate la spazzola al muro con la lancia in orizzontale. Se la spazzola rimane appiccicata al muro senza sforzo, allora il vostro aspirapolvere ha una discreta potenza. È bene specificare che la potenza d’aspirazione non è l’unico elemento da valutare per l’efficienza di un aspirapolvere. Facciamo un esempio: per pulire i peli di animali dai tappeti ci vuole un aspirapolvere efficace. Ma uno dotato di turbospazzola rotante, potrebbe rimuoverli meglio anche rispetto a uno con più potenza d’aspirazione.

Watt

È il valore più comune nella misurazione della potenza d’aspirazione di un aspirapolvere; sfortunatamente è anche il meno accurato. I Watt infatti, ci forniscono solamente l’indicazione della reale energia elettrica consumata dal nostro dispositivo. Questo significa che un aspirapolvere da 2000 Watt, se confrontato con un aspirapolvere da 1500 Watt, non è detto che aspiri di più. Semplicemente può anche solo consumare di più. Oltre a farci spendere più soldi in bolletta, può anche pulire di meno. In Europa si è parlato molto in questi anni in merito alla potenza degli aspirapolvere. Il legislatore ha emanato delle normative per limitare la massima energia consumata da un aspirapolvere. Nulla è stato fatto per obbligare i produttori a uniformare l’unita di misura dell’aspirazione, tant’è che la Dyson ha intrapreso azioni legali contro alcuni concorrenti. Secondo la nota marca Britannica infatti, alcuni concorrenti propongono prodotti ingannando i consumatori in merito all’efficienza.

Pascal (kPa)

Il Pascal comincia ad essere ampiamente utilizzato dai produttori di aspirapolvere. È essenzialmente una delle unità di misura della pressione, che in questo caso esprime la depressione causata dall’aspirapolvere. È efficace nella reale misurazione della potenza d’aspirazione dell’aspirapolvere. Per darvi un parametro di confronto, un aspirapolvere potente dovrebbe avere un’aspirazione compresa tra i 15 e 22 kPa. (Ovvero 15000- 22000 Pascal)

Colonna d’acqua –  mm/H2O

Questa rappresenta un’altra valida unità di misura d”aspirazione, che anche se poco utilizzata, si può trovare nelle tabelle informative del prodotto. Essenzialmente questa unità di misura rappresenta la forza che un aspirapolvere può esercitare su una colonna d’acqua di un metro. Senza addentrarci troppo in concetti di fisica, ci basta sapere che un ottimo aspirapolvere è compreso tra i 1500 e 2200 mm/H2O.

Air Watt

Un’altra unità di misura per capire la reale efficienza di un aspirapolvere sono gli Air Watt. Gli air watt sono un rapporto tra l’energia dissipata e il flusso d’aria in litri passante per una bocchetta d’aspirazione. Probabilmente è il metodo migliore, in quanto non ci fa capire solo la reale potenza d’aspirazione, ma la mette in relazione con la potenza dissipata. Verificate attentamente che nelle schede tecniche si faccia riferimento a Airwatt e non a Watt.

Gli aspirapolvere più potenti in commercio

Le due tipologie di aspirapolvere più presenti sul mercato sono quelli a traino o quelli verticali. (Chiamati comunemente scope elettriche, anche se bisognerebbe fare un’ulteriore suddivisione). Se guardiamo solo alla potenza e non alla praticità d’uso, ebbene gli aspirapolvere a bidoncino sono più potenti, ma anche meno efficienti energeticamente. Divisi per tipologie di prodotto vi consigliamo alcuni dei più potenti aspirapolvere presenti sul mercato. Per orientarti con qualche numero, diciamo solo che 180-200 AW è ottimo per un aspirapolvere a 220 volt, 80-100 AW è più che sufficiente per un cordless e più di 300 AW dovrebbero andare per un aspirapolvere a bidoncino.

Conclusioni

Abbiamo visto che l’unità di misura più reale dell’efficienza di un aspirapolvere sono gli AirWatt. In ogni caso, l’efficienza di un aspirapolvere può essere influenzata da diversi fattori.

Facciamo un esempio: un aspirapolvere con filtro HEPA può essere meno efficiente sia per potenza che per consumo di uno senza filtro. Ma rinuncereste alla possibilità di eliminare allergeni e batteri dalla vostra casa? Insomma, sembra di capire che la potenza non è l’unico fattore che dobbiamo cercare quando scegliamo il nostro aspirapolvere. Bisogna tenere conto del funzionamento, praticità, rumorosità e molto altro. Se hai dei dubbi consulta la guida all’acquisto dell’aspirapolvere.
Un altro piccolo consiglio: se scegliete un aspirapolvere potente verificate che abbia la regolazione della potenza. Un aspirapolvere ciclonico può essere talmente potente da incollarsi alle superfici. Per questo motivo, avere un aspirapolvere che non scorre su un tappeto, può diventare fastidioso e stancante.